Press "Enter" to skip to content

Inquinamento: un nodo cruciale ancora sottovalutato

Le città asiatiche soffrono così tanto l’inquinamento come si dice? Sì.

Quando vedete le scene da Covid time, con le città libere ed animali liberi che vi circolano, montagne che si vedono dopo decenni, bambini che si stupiscono al cielo azzurro, etc. Pensate, invece, che ormai è tutto tornato a quelle altre immagini, quelle di coltri arancioni rossastre che fanno molto sequel di Blade Runner (che tristezza di film). Quali sono le peggiori città? Quali i motivi? E no, non basta mettere le targhe alterne eh….Quali sono gli effetti?

Le conseguenze dell’inquinamento

Partiamo da quest’ultima domanda. Gli effetti dell’inquinamento sono sul sistema cardio respiratorio, ma siccome non sono né un medico né un informatico che si crede epidemiologo per aver letto quattro blog ambigui, per i dati su cosa faccia il particolato e problemi vari nei polmoni vi rimando a siti di medicina, quella vera.

Senza dover scomodare Esculapio, pensate a dover girare per una città e tossire e tossire: bene non può certo fare, no? Perché non si fa qualcosa e quali sono i motivi?

Le cause

Anzitutto i motivi economici che portano a tali livelli di inquinamento sono alla base di tutto, come anche una pessima organizzazione urbanistico-industriale. Partiamo da qui, dai motivi economici.

In paesi in via di sviluppo le tecnologie per ripulire l’aria emessa da centrali energetiche, raffinerie e complessi industriali sono molto, troppo costose. ‘E vabbè, ma cosa volete che sia spendere…’. Eh no, non funziona come da noi. Nei paesi sottosviluppati o in via di sviluppo i ricchi sono molto ricchi e i poveri sono molto poveri; questo impone che la produzione industriale, dall’energetica alle cose che usano quotidianamente, dal pane (laddove si mangia) al tessile, debba essere quanto più conveniente possibile, economica fino all’inverosimile.

Prezzi che noi neppure ci sogneremmo di pensare, ma è tutta roba che da noi risulterebbe pure tossica e non passerebbe mezzo controllo (ancor meno per rispetto delle condizioni dei lavoratori, ma quello è un altro argomento). Quindi non solo i fumi esalati sono pessimi ma anche i prodotti, poi scartati e spesso bruciati in strada o nei cortili.

Le macchine

‘Ah beh almeno le macchine…’. Eh no, come detto ieri la qualità delle macchine e macchinari (automobili, trattori, generatori a kerosene, etc.) non sono a standard europei. Vi faccio un esempio: le auto che compriamo in Europa hanno uno standard per il motore, Euro7 adesso se non erro, e quelle al di sotto di Euro5 già iniziano a non poter circolare in molti posti.
Beh, in Pakistan, Indonesia, India, Bangladesh, Sri Lanka, Cina e Malesia (anche se in misura minore) gli standard delle macchine sono Euro1 o al più Euro2. Non scherzo. I bollini Euro2 sono mostrati con orgoglio! Questo perché come i macchinari più complessi per ogni altro tipo di lavoro, tecnologie più avanzate porterebbero ad un rialzo brutale dei costi, bloccando lo sviluppo economico di cui questi paesi hanno un bisogno enorme. E così vi ho anche detto quali sono i paesi messi peggio.

Aggiungeteci che molti sono piagati (nel senso biblico proprio) da orde di motorini in stile cavallette e locuste (bibliche), questi vanno a qualunque cosa, dall’olio di palma al kerosene. Ovviamente non durano molto e sono spesso ‘aggiustati’ in casa o da personale tutto fuorché qualificato, peggiorando la situazione oltremodo.

Yangon, la città principale del Myanmar, li ha proibiti in città e risulta tra i centri meno afflitti dall’inquinamento dei veicoli. Il Vietnam, invece, è famoso per la marea di motorini. Se questo vale per traffico, rifiuti bruciati in strada, le industrie? Beh, in paesi con infrastrutture stradali e ferroviarie pessime, if any, in paesi con crescite demografiche ed urbanistiche incontrollate, la pessima pianificazione risulta complice della pessima situazione. Mi spiego: le città crescono con catapecchie attorno alle fabbriche, comunque mai troppo lontane dalle città, aumentano i ‘servizi’ e così le città crescono dove non dovrebbero.

One Comment

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.